Folge uns
iBookstore
Android app on Google Play
Gefällt mir
Ein Programm der Universität Leiden
Una fiaba nello spazio
2. May 2012

“Specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”, chiese la stella brillante guardando la propria luce che si rifletteva sui grani di polvere dello spazio. E che sorpresa quando si sentì rispondere: “Queste nubi di polvere!”

D’accordo, le stelle non parlano, ma queste nubi di polvere sono davvero più belle delle stelle che le fanno risplendere. Si chiamano nebulose a riflessione: “riflessione” perché riflettono la luce delle stelle vicine, e “nebulose” perché in latino significa “nuvole”.

La luce riflessa è bianca e blu, in questa foto. La polvere produce anche un po’ di luce per conto proprio, che nella foto è mostrata in arancione. Queste zone arancioni fanno vedere le regioni in cui la polvere si è ammucchiata.

I nostri occhi non possono vedere la luce a bassa energia della polvere, ma un telescopio speciale, che si chiama APEX, riesce a osservarla. Senza APEX, gli astronomi non vedrebbero mucchi di polvere come questi, anzi non vedrebbero niente – soltanto spazio vuoto e nero che impedirebbe di vedere tutto quello che c’è dietro.

E invece per gli astronomi è importantissimo vedere queste regioni, perché è in nubi di polvere e gas come queste che nascono le stelle.

Fatto curioso

Il telescopio APEX si trova in un deserto in Sud America, a 5100 metri sul livello del mare!

Mehr Informationen

Questa Notizia spaziale si basa su un comunicato stampa dell’ESO.

Share:

Bilder

Ein Märchen im Weltraum
Ein Märchen im Weltraum

Printer-friendly

PDF File
1022,4 KB