Folge uns
iBookstore
Android app on Google Play
Gefällt mir
Ein Programm der Universität Leiden
Unser nächster Stern sieht immer vertrauter aus
17. November 2017

Space Scoop (Italian)

Hier können Sie das neueste Space Scoop lesen, unseren Astronomie Nachrichten Service für Kinder ab einem Alter von 8 Jahren. Die Idee hinter Space Scoop ist es, die Art zu ändern, wie Wissenschaft von jungen Kindern oft wahrgenommen wird, nämlich als veraltet und mit langweiligen Themen. Indem wir aufregende neue astronomische Entdeckungen mit Kindern teilen, können wir sie dafür begeistern, ein Interesse an Wissenschaft und Technik zu entwickeln. Space Scoop ist ein wunderbares Mittel, das in Klassenräumen verwendet werden kann, um die jüngsten Nachrichten aus der Astronomie zu lehren und zu diskutieren. 

Space Scoop ist verfügbar in den folgenden Sprachen:

Englisch, Dutch, Italian, German, Spanish, Polish, Albanian, Arabic, Bengali, Bulgarian, Chinese, Czech, Danish, Farsi, French, Greek, Gujarati, Hebrew, Hindi, Hungarian, Icelandic, Indonesian, Japanese, Korean, Maltese, Norwegian, Portuguese, K’iche’, Romanian, Russian, Sinhalese, Slovenian, Swahili, Tamil, Tetum, Turkish, Tz’utujil, Ukrainian, Vietnamese, Welsh

La stella che preferisce non morire
10. November 2017:
Un rifugio nascosto per la nostra futura casa sulla Luna
2. November 2017:
I nostri sensi spaziali fremono
16. October 2017:
Una cometa? Due asteroidi gemelli? O forse…entrambi?
13. October 2017:
Pianeti alieni che potrebbero somigliare al nostro
4. October 2017:
Duello fotografico: Astronauti contro Satelliti
19. September 2017:
Scoperto un pianeta super-nero e ghiotto di luce
15. September 2017:
La coda della cometa scomparsa
31. August 2017:
È una stella? È un pianeta? No, è una nana bruna!
13. July 2017:
La Giornata dell’Asteroide: attenzione, caduta massi dal cielo!
30. June 2017:
CLASP: il Guardiano dei Satelliti
4. June 2017:
A caccia del buco nero (in fuga)
24. May 2017:
DiDi, il pianeta nano lontano
15. May 2017:
Cassini: conto alla rovescia per il gran finale.
4. May 2017:
Dove vanno a morire i vecchi satelliti?
25. April 2017:
Un uovo di Pasqua cosmico
16. April 2017:
Nati selvaggi
1. April 2017:
La mappa della crosta magnetica terrestre
24. March 2017:
Le galassie ruotano più velocemente man mano che invecchiano
16. March 2017:
Gli Anelli di Saturno sono caldi e sfocati
7. March 2017:
Biancanana e i sette pianeti
22. February 2017:
Un ponte fra mondi
17. February 2017:
La crosta terrestre si rompe? Meglio: ci fa respirare!
12. February 2017:
Mica tutti i vagabondi han perso la strada!
31. January 2017:
L'universo si sta espandendo sempre più velocemente?
27. January 2017:
Ciao ciao dalla sonda Cassini
20. January 2017:
Un viaggio nello spazio profondo: l’Universo più lontano visto nei raggi X
15. January 2017:
Perché le stelle massicce sono così gassose?
19. December 2016:
Un’origine oscura per un esplosione misteriosa
12. December 2016:
Uno spettacolo di ombre cosmiche
5. December 2016:
Una foto di famiglia. Stellare.
28. November 2016:
15000 rocce spaziali (e non è finita qui…)
10. November 2016:
Guardare dentro la Terra con il magnetismo
17. October 2016:
Plutone a raggi X
10. October 2016:
Il mistero della pulsar mostruosa
23. September 2016:
Il Tempo Vola su un Pianeta Alieno
30. April 2014:
La stella che visse due volte
18. March 2013: Nel 1604, una nuova stella apparve nel cielo notturno. Brillava più di ogni altra stella e per tre settimane fu possibile vederla perfino durante il giorno! Questa luce misteriosa era causata dalla morte esplosiva di una stella vicina a noi. Esplosioni simili si chiamano "supernovae", ed emettono così tanta luce da essere, per qualche settimana, più brillanti di una galassia con miliardi di stelle! Poi, lentamente, la loro luce si affievolisce e rimangono soltanto delle belle nubi scintillanti di gas, come quelle in questa foto.
L'incredibile aldilà delle stelle giganti
6. March 2013: Le stelle di neutroni sono i nuclei super-compatti che rimangono dopo che le stelle massicce arrivano alla fine della loro vita ed esplodono. Gli strati più esterni della stella sono soffiati via durante l'esplosione, ma il materiale al centro collassa su se stesso, dando origine a una palla densissima (cioè molto compressa) di materia. Questo processo porta alla formazione degli oggetti celesti più compatti dopo i buchi neri: le stelle di neutroni!
Congratulazioni! È un pianeta!
28. February 2013: Quando una donna è incinta, i dottori le fanno delle ecografie all'utero per tenere d'occhio la crescita del bambino. Recentemente gli astronomi hanno fatto qualcosa di molto simile a una stella vicina - per caso! Mentre osservavano il disco gassoso che circonda la stella, hanno scoperto con grande sorpresa un pianeta, che stava crescendo proprio lì dentro! È la prima volta che un pianeta viene osservato nella fasi iniziali della sua vita. Quest'immagine, realizzata da un artista, ci mostra quale dovrebbe essere l'aspetto del pianeta da vicino.
Da dove vengono i raggi cosmici?
14. February 2013: I raggi cosmici sono particelle di altissima energia che vengono da molto lontano, ben oltre il Sistema solare. Per questo i raggi cosmici ci permettono di studiare il materiale dello spazio profondo. Purtroppo, però, i campi magnetici della nostra galassia e del Sistema solare modificano le traiettorie dei raggi cosmici al punto che non riusciamo a ripercorrerle indietro fino a capirne l'origine. Finalmente, studiando i resti di una stella morta migliaia di anni fa, gli astronomi hanno trovato degli indizi che permettono di dire quale sia l'origine dei raggi cosmici.
La notte è in fiamme
23. January 2013: Il Sole che illumina il cielo durante il giorno, e i puntini brillanti che splendono nel cielo di notte, sono tutte stelle - sfere giganti di gas incandescente. Le stelle nascono nello spazio, all'interno di spesse nubi di gas. Questo ce lo dicono gli astronomi, che per scoprirlo hanno dovuto costruire speciali telescopi in grado di catturare anche quella luce che i nostri occhi non possono vedere. Utilizzando i telescopi, gli astronomi sono in grado di scrutare all'interno delle nubi oscure dove nascono le stelle, per vedere cosa succede.
Quando il pianeta rosso era blu
17. January 2013: Sicuramente sai già che la Terra non è l'unico pianeta del Sistema solare, e che di pianeti ce ne sono in tutto otto. Sotto molti punti di vista, il pianeta più simile alla Terra è Marte, che viene chiamato "pianeta rosso" per il colore della sua superficie. Ma è sempre più chiaro che in passato Marte è stato per tantissimo tempo un pianeta blu, ricoperto di laghi, fiumi e mari, proprio come la Terra!
Luce nel buio
16. January 2013: Non sempre le cose sono ciò che sembrano, specialmente nello spazio. Spesso le regioni più vuote del cielo nascondono i segreti più interessanti. In questa nuova bellissima immagine, una nube scintillante di polvere cosmica si staglia su uno sfondo di stelle. A occhio nudo si direbbe che nubi come questa siano deserte e scure, ma in realtà alcune di esse contengono le nebulose più brillanti e le stelle giovani più calde dell'Universo!
Venere vulcanico
4. December 2012: Sulla Terra, i vulcani attivi sono uno dei fenomeni più affascinanti e maestosi offerti dalla natura. Ora gli astronomi hanno scoperto che i vulcani possono eruttare con violenza anche su Venere, il pianeta più vicino alla Terra.
Dai grani ai pianeti
30. November 2012: Per tanto tempo abbiamo pensato che i pianeti si formassero e vivessero in prossimità delle stelle. Per esempio, il Sole è la stella madre di tutti i pianeti del Sistema solare. Adesso, però, gli astronomi hanno scoperto che anche altri oggetti possono fare i loro pianeti! Quindi i pianeti rocciosi come la Terra potrebbero essere perfino più comuni, nell'Universo, di quanto ci immaginavamo finora!
Scoppi spaziali!
28. November 2012: I buchi neri hanno una cattiva reputazione: si dice che divorino tutto ciò che li circonda facendolo sparire per sempre. Un fatto meno noto è che ogni tanto i buchi neri generano getti potentissimi, con cui sparano fuori materiale. Gli astronomi hanno appena scoperto due di questi getti, ed entrambi sono da Guinness dei primati!
Il cugino pelato di Plutone
21. November 2012: Sembra che Makemake, un pianeta nano del nostro Sistema solare, non abbia atmosfera. Insomma, è pelato! Per questo motivo non può neppure appigliarsi a quei due raggi di sole che riceve alla distanza a cui si trova, e cioè più lontano dal Sole di suo cugino Plutone.
Bolle spaziali
16. November 2012: Gli astronomi hanno immortalato un evento davvero speciale: il risveglio di una nebulosa planetaria, fenomeno che in inglese si chiama "reborn planetary nebula". Come puoi vedere in quest'immagine, si tratta di una bolla di gas all'interno di una bolla già soffiata - la nebulosa planetaria. La maggior parte delle stelle alla fine della vita diventano nebulose. Ogni tanto, come in questo caso, lo fanno per due volte.
Un pianeta solitario perso nello spazio
14. November 2012: Nello spazio è stato avvistato un pianeta solitario che si aggirava senza nessuna stella-genitore intorno! Si pensa che questo piccolo orfano si sia formato ugualmente agli altri pianeti, dal materiale di scarto che circondava una stella giovane. Ma per qualche ragione è stato buttato fuori di casa.
Stelle pensionate con l'hobby della scultura
8. November 2012: Quando la gente va in pensione si trova qualche hobby per riempire il tempo libero: c'è chi inizia a disegnare, chi va a pesca... Recentemente gli astronomi hanno scoperto che due stelle "in pensione" (chiamate nane bianche) al centro di questa bella nebulosa si sono date alla scultura! I getti di materiale colorati in rosso che escono fuori dai due lati di questa nebulosa vengono curvati in queste forme di S dalla danza in corso fra queste due stelle di una certa età.
Viaggio alla scuola delle stelle
7. November 2012: Se tu cercassi qualche informazione sui giovani, fare un giro in una scuola sarebbe una buona idea, giusto? Questa fotografia mostra una "scuola" stellare, frequentata da migliaia di stelle fra le più luminose e grandi del cielo. Quando gli astronomi vogliono studiare le stelle giovani, quest'ammasso - che si chiama Cygnus OB2 - è uno dei primi posti in cui guardano.
C'è il trucco!
31. October 2012: La palla di stelle al centro di questa fotografia è incredibilmente vecchia. Prima che i primi esseri umani si aggirassero sulla Terra, queste stelle stavano già bruciando. Un gruppo di stelle come questo si chiama ammasso globulare, e ha circa 10 miliardi di anni - in pratica quasi l'età dell'Universo!
Scoperto un vicino!
17. October 2012: Gli astronomi hanno scoperto un pianeta delle stesse dimensioni della Terra appena fuori dal nostro Sistema solare, in orbita attorno alla stella più vicina al Sole! Per tanto tempo gli scienziati hanno discusso sulla possibilità che ci fossero dei pianeti in orbita attorno a questa stella, Alpha Centauri. Si tratta di una stella molto simile al nostro Sole, e rappresenta il posto più vicino in cui cercare la vita al di fuori del Sistema solare. Per lunghi anni, però, le ricerche non avevano portato a nessun risultato. Fino a oggi.
A caccia di farfalle
10. October 2012: Gli astronomi hanno iniziato la caccia delle nebulose planetarie!
Birdwatching nello spazio
26. September 2012: Ti è mai sembrato di riconoscere i profili di animali o persone nelle nuvole? Succede anche agli astronomi, ma le loro nuvole si chiamano “nebulose” e sono lontanissime nello spazio. A differenza delle nubi sulla Terra, che sono fatte d'acqua, le nebulose sono costituite da gas e polvere. Gli astronomi hanno riconosciuto la forma di una testa d'uccello negli sbuffi di una di queste nuvole, e l'hanno chiamata Nebulosa Gabbiano.
L'universo inveeeeeeeeeeeecchia!
12. September 2012: Spesso è difficile farsi un'idea di quanto durino gli eventi nella storia dell'universo. L'universo è enorme, ed esiste da un tempo lunghissimo – 13.7 miliardi di anni! Cioè è circa tre volte più vecchio della Terra, e non è banale immaginare un periodo in cui addirittura il nostro pianeta non esisteva!
Una dolce scoperta per gli astronomi
29. August 2012: Lo sapevi che lo zucchero contiene alcuni degli ingredienti essenziali per la vita? Ma attenzione: questo non significa che mangiare dolci a volontà sia salutare. Lo zucchero è fatto con una semplice ricetta di elementi chimici: carbonio, idrogeno e ossigeno. Ogni forma di vita sulla Terra è costituita da questi tre elementi, più un quarto, l’azoto.
Stelle “O”: caramelle giganti dell'Universo
26. July 2012: A giudicare dalla varietà di stelle che contiene, L'Universo è come un negozio di caramelle.
Misteriose città fantasma nello spazio
11. July 2012: Le galassie sono come città di stelle nell’Universo. Recentemente, però, gli astronomi hanno scoperto 12 galassie che assomigliano più a città fantasma in cui non vive nessuna stella!
Olimpiadi spaziali
28. June 2012: Niente sta fermo nello spazio. Per esempio, la maggior parte delle stelle sono corritrici di lunghe distanze, praticamente fanno la maratona nello spazio per l’intera durata della loro vita. Ma c’è una stella che gli astronomi hanno scoperto recentemente (lo sbuffo verde in questa nuova foto dello spazio) che è un fenomeno negli scatti.
Un’idea brillante per studiare quei pianeti così poco brillanti
27. June 2012: Gli astronomi hanno utilizzato un nuovo metodo per osservare la luce debole di un pianeta che orbita attorno a una stella lontana. A pensarci sembra quasi incredibile, perché i pianeti sono molto meno luminosi delle stelle, e di solito la loro luce è completamente offuscata dalla luce della stella. (È come cercare di vedere un giocattolo di quelli che s’illuminano al buio in una stanza piena di luce.)
Una rubrica “universale”
20. June 2012: Questa nuova fotografia dello spazio ci mostra un fiume di polvere che scorre in mezzo a una nube cosmica di gas e polvere, chiamata “NGC 6357”. (Proprio un nome orecchiabile!) Qui vediamo soltanto una piccola parte di NGC 6357. Quello che rende quest’immagine speciale è che si tratta della foto più dettagliata mai scattata prima di questa piccola parte della nube!
Motori spaziali più potenti di quelli dell'Enterprise
7. June 2012: Gli astronomi hanno fatto un passo avanti nello studio dei motori più potenti dell'Universo: i buchi neri. Come facciamo a dire che i buchi neri sono motori, se tutto quel che sanno fare è abbuffarsi di ogni cosa che trovano? In realtà, i buchi neri sono a buon diritto membri civili della nostra società cosmica, e non prendono e basta, ma anzi danno indietro molta energia all'Universo!
Guardando le cose sotto un'altra luce
31. May 2012: Quando torna a splendere il Sole dopo che è piovuto è possibile ammirare nel cielo un bellissimo arcobaleno. Sono le gocce d'acqua rimaste nell'aria dopo la pioggia a disperdere la luce del sole nei colori dell'arcobaleno. In questo modo i colori che erano segretamente contenuti nella luce vengono mostrati a tutti quanti.
La squadra degli astronomi è internazionale
23. May 2012: Ci sono astronomi in ogni parte del mondo. Alcuni lavorano negli osservatori astronomici, mentre la maggior parte lavora presso le università o gli istituti di ricerca.

Questa foto mostra un nuovo osservatorio in Olanda, che si chiama LOFAR, e viene utilizzato per cercare oggetti mai visti prima nell'Universo attraverso le onde radio. Centinaia di astronomi da tutto il mondo usano LOFAR per le proprie ricerche.
Tracciando i confini di una galassia
16. May 2012: La luce delle centinaia di miliardi di stelle di questa galassia riempie la nostra nuova fotografia spaziale con un bagliore diffuso. È difficile indovinare la forma della galassia, perché la luce si attenua dolcemente allontanandosi dal centro, senza che ci sia un confine vero e proprio.
Liberandosi da un bozzolo cosmico
15. May 2012: Nei film gli eroi e i cattivi saltano in aria dopo un'esplosione, in seguito al rilascio di una potente onda d'energia, chiamata onda d'urto. La stessa cosa succede nello spazio quando una stella esplode con un'esplosione di supernova.
Bisogna aggiungere un po’ di pepe a questo gas cosmico?
9. May 2012: È divertente quando un oggetto nello spazio ci ricorda qualcosa che vediamo sulla Terra. Per esempio, dai un’occhiata a questa nuova foto spaziale che mostra decine di migliaia di stelle. Sembra un nugolo di lucciole su un prato!
Una fiaba nello spazio
2. May 2012: “Specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”, chiese la stella brillante guardando la propria luce che si rifletteva sui grani di polvere dello spazio. E che sorpresa quando si sentì rispondere: “Queste nubi di polvere!”
Non come i soliti super-eroi
30. April 2012: Comprimendo una stella massiccia in un volume piccolissimo si forma un buco nero. (In proporzione, è come comprimere tutta la Terra dentro a una biglia!) Spingere così tanto materiale in uno spazio così piccolo fa sì che il buco nero acquisti un super-potere: una forza di gravità spaventosa, tale da fargli ingoiare tutto quello che gli si avvicina troppo, luce compresa!
Un'assunzione sbagliata degli astronomi
26. April 2012: Per decenni gli astronomi hanno pensato che si potesse ricavare quanta materia stellare è contenuta nelle galassie osservando la quantità di luce che esse emettono. Dalla luce deducevano la quantità di materia stellare, e da questa il numero di stelle della galassia. Recentemente, però, una squadra di astronomi ha verificato se questa teoria fosse giusta, e ha scoperto che non è così semplice ricavare il numero di stelle di una galassia dalla sua luce.
Adesso brillo io!
25. April 2012: Dai un'occhiata a questa magnifica foto piena di stelle. Cosa attira il tuo sguardo? Il gruppo di stelle blu e bianche vicino al centro della foto, sulla sinistra? Si tratta di un giovane ammasso stellare con tantissime stelle molto calde.
Qualcuno nello spazio sta giocando a nascondino
18. April 2012: Ti è mai successo di cercare qualcosa nella tua camera per ore e poi renderti conto che semplicemente non l'avevi lasciata lì? Ecco, gli astronomi hanno cercato della strana roba nello spazio per circa 50 anni, ma alcune nuove osservazioni rivelano che questa roba potrebbe non trovarsi dove essi pensavano!
Archeologi dell'Universo
12. April 2012: Gli astronomi e gli archeologi (come Indiana Jones) hanno molte cose in comune: entrambi sono a caccia di indizi che li aiutino a comprendere gli eventi del passato. Mentre però gli archeologi devono scavare per trovare fossili e rovine sotto terra, gli astronomi devono semplicemente guardare su nel cielo. Infatti, quando osserviamo gli oggetti del cielo notturno li vediamo così com'erano nel momento in cui la loro luce aveva cominciato il suo lungo viaggio attraverso l'Universo verso di noi!
La scoperta fresca fresca di alcuni pianeti freddi
12. April 2012: Un telescopio nuovo di zecca, che è ancora in fase di costruzione e che si chiama ALMA, ha già fatto la sua prima scoperta! Ha permesso di scovare due pianeti in orbita attorno alla stella nella fotografia qua sopra, e sono pianeti fra i più freddi mai trovati prima.
È un uccello? È un aeroplano? No, è una super-Terra!
28. March 2012: Quando guardi su nel cielo, di notte, tutte le stelle ti sembrano uguali. Eppure le stelle hanno tante dimensioni e tanti colori. Il colore di una stella dipende dalla temperatura della sua superficie. Forse ti sembrerà strano, ma le stelle blu sono molto più calde di quelle rosse! Le stelle rosse più piccole, dette “nane rosse”, sono di gran lunga le più comuni all'interno della nostra galassia, la Via Lattea.
Galassie in abbondanza!
21. March 2012: A prima vista questa fotografia dello spazio non sembra tanto speciale: soltanto qualche stella brillante e una spolverata di stelline meno luminose. Ma in realtà quasi tutti quegli oggetti più deboli non sono stelle della nostra galassia, la Via Lattea. Sono invece galassie lontanissime, ognuna delle quali contiene miliardi di stelle!
Cose strane con strane forme
16. March 2012: È facile dare per scontato che quello che vediamo e tocchiamo tutti i giorni sia “normale”. Eppure, studiando il nostro Universo, gli astronomi trovano che spesso le cose strane ed eccezionali sono più diffuse di quelle che a noi sembrano normali. Ad esempio, gli astronomi sono convinti che ci sia tantissima materia invisibile nello spazio, circa sei volte quella visibile! Gli astronomi chiamano questa materia invisibile “materia oscura”.
Giovani galassie golose
14. March 2012: Gli astronomi sanno già da un pezzo che le galassie erano molto più piccole quando l'Universo era più giovane. Man mano che l'Universo è invecchiato, le galassie sono ingrassate, ma le loro abitudini alimentari erano finora un mistero. 
Che occhi grandi che hai
7. March 2012: I grandi telescopi sono molto potenti, ed ingrandiscono quegli oggetti dell'Universo che non potremmo vedere usando soltanto i nostri occhi o i piccoli telescopi. Quando però gli astronomi vogliono fotografare regioni estese di cielo, essi utilizzano di solito telescopi piccoli.
Gli astronomi trovano la vita sulla... Terra?!
29. February 2012: In questa foto sembra che la Luna sia contemporaneamente crescente e piena! Questo perché un po' di luce del Sole rimbalza sulla Terra e illumina debolmente la parte della Luna opposta al Sole. Il fenomeno si chiama earthshine, o luce cinerea. Negli ultimi tempi, gli astronomi hanno utilizzato la luce cinerea per cercare forme di vita aliene.
Illusioni ottiche nello spazio
15. February 2012: Guardando una foto scattata ad una festa di compleanno o durante una gita con la famiglia è facile capire le persone che sono vicine e quelle che invece sono nello sfondo. Ma nelle fotografie dello spazio, in cui gli oggetti hanno dimensioni ben diverse da quelle a cui siamo abituati, è molto più difficile giudicare!
Soltanto quelli più grossi ce la fanno
14. February 2012: La nostra galassia, la Via Lattea, è circondata da circa 200 gruppi di stelle, chiamati ammassi globulari. Questi ammassi hanno circa l'età dell'Universo e contengono informazioni preziose su come si sono formate le prime stelle e le galassie.
Tirando sassi nello spazio
9. February 2012: Al tempo in cui si formò il Sistema Solare, molti pezzi di scarto rimasero inutilizzati. Questi pezzi di scarto sono asteroidi e comete.
Le leggi universali della scienza
8. February 2012: La scienza è come una lingua universale, perché in tutto l'universo funziona allo stesso modo. Le stesse leggi scientifiche che possiamo sperimentare sulla Terra fanno brillare le stelle e muovere i pianeti attorno al Sole!
I paroloni dell’astronomia
4. January 2012: L’astronomia ha un linguaggio piuttosto tecnico e incomprensibile, vero? Ci sono molte parole strane, come galassia e nebulosa. Bene, ora ti sveliamo un segreto: la maggior parte di queste parole sono semplicemente traduzioni di parole normalissime in lingue antiche. Per esempio la parola ‘galassia’ viene da un termine greco che significa ‘bianco latte’. E la parola ‘nebulosa’ da un termine latino che indica una ‘nuvola’.
  1  
Angezeigt werden 1 bis 86 von 86